Crema acne e brufoli: le 8 TOP + efficaci al MONDO [2021]

crema acne cop

Una crema acne di qualità può letteralmente trasformare il viso di chiunque soffra di questo inestetico problema.

In più completare un trattamento contro l’acne di qualità è un ottimo metodo per imparare a prendersi cura della propria pelle a 360°.

E’ per questo, che a grande richiesta di molte nostre amiche lettrici oggi scopriremo:

1) COME prendersi cura di una pelle acneica e COME scegliere le migliori creme contro l’acne attraverso l’analisi dei migliori ingredienti.

2) le 8 migliori creme per acne e per brufoli presenti in commercio, divise per efficacia, tipologia di problema e ingredienti utilizzati.

Acne e brufoli: classificarli e riconoscerli

crema acne prima-dopo
Ridurre l’acne con una crema antiacne è POSSIBILE. L’importante è avere pazienza ed essere costanti (trattamento topico 30 giorni)

Il modo migliore per capire come curare l’acne è innanzitutto imparare a riconoscere nello specifico il proprio problema. Riconoscere il tipo di acne, aiuterà a capire come affrontare il problema fin da subito.
Ricordiamoci che una pelle sana è la base di partenza di una pelle che resisterà a lungo anche da segni di invecchiamento e dalle rughe.
Dunque scopriamo come sono classificati i “brufoli” in ambito scientifico.

1) Comedoni

Si tratta dello sfogo che vediamo più spesso, ma invece di brufoli, li chiamiamo punti bianchi e punti neri.
I comedoni di solito si verificano quando il grasso naturale (sebo) prodotto dalla pelle o più precisamente dalle ghiandole sebacee, si combina con le cellule morte della pelle per formare dei tappi nei pori.

Quando il corpo del comedone è in profondità sotto pelle la chiamerai testa bianca. Quando il corpo è vicino alla superficie della pelle nel poro aperto, viene esposto all’aria e si ossida diventando nero.

2) Seborrea

Si tratta di una tipologia di eruzione cutanea che non si vede spesso, ma è una patologia particolarmente evidente quando presente. In questi casi la pelle del viso risulta rossa e squamosa, con alcuni casi che possono portare anche a cicatrici sulla pelle dopo la cicatrizzazione. In questo caso è necessario la valutazione medica di un dermatologo.

3) Acne

L’acne, così come il singolo brufolo, sono una situazione che può colpire qualsiasi individuo a qualsiasi età. I brufoli si formano quando la pelle morta è attaccata dal sebo prodotto nella pelle. Questa è la stessa causa dei comedoni. L’accumulo di pelle può quindi bloccare i pori e consentire l’accumulo di sebo. Questo accumulo costringe il poro intasato alla formazione del brufolo per liberarsi. In breve, i brufoli sono lo stadio infiammato dei comedoni.

Nella pratica, tutte le forme di acne condividono più o meno le stesse cause:

  1. Troppe cellule morte della pelle nelle aree problematiche che tendono a portare all’intasamento dei pori.
  2. Pelle molto grassa che crea un eccesso di sebo, il quale tende ad accumularsi nei pori.
  3. Proliferazione di batteri.
  4. Infiammazioni.

Qualsiasi trattamento che riesca ad agire su queste cause, porterà inevitabilmente a migliorare la situazione dell’acne più velocemente.

Acne: 5 regole per tenerla sotto controllo

Mantenere l’acne sotto controllo può essere un processo difficile e frustrante. Per questo quando combattiamo contro l’acne teniamo sempre a mente alcune regole auree:

1) Per quanto difficile, evita di schiacciare o toccare i brufoli. La loro rottura potrebbe causare cicatrici

2) I trattamenti per la pelle come le creme acne richiedono tempo. Aspettati di vedere risultati concreti dopo almeno due mesi dall’inizio del trattamento.

3) Non tergiversare nel curare l’acne, in quanto questo potrebbe portare a cicatrici permanenti. Se non ti senti a tuo agio ad utilizzare medicinali da banco come quelli che troverai qui proposti, non esitare a rivolgerti al tuo medico.

4) Alcune creme acne, così come molti trattamenti, possono tendere a seccare la pelle più di quanto ci aspettiamo. Diminuiamo la frequenza di utilizzo per trovare l’equilibrio fra la giusta formazione di sebo e pelle pulita.

5) Detergi delicatamente la pelle. Strofinare troppo forte può irritare la pelle e peggiorare l’acne. Ricorda inoltre che i punti neri non sono dovuti a scarso lavaggio. Al contrario, lavare troppo spesso la pelle può scalfire il film lipidico superficiale della pelle, attivando una maggiore formazione di sebo. Limitati a lavare la pelle 2 volte al giorno, e ad applicare i prodotti per l’acne.

Come scegliere la migliore crema acne

Sembra una cosa ovvia, ma in realtà per scegliere i prodotti giusti per il tuo tipo di problema, devi conoscere il tuo tipo di pelle perché da solo sarà un punto chiave da tenere a mente quando controlli alcuni altri criteri di seguito.

Le pelli soggette all’acne di solito sono o grasse o una combinazione di grasse e secche. (È raro avere la pelle secca e l’acne allo stesso tempo)

Come scelgo la crema acne se ho la pelle grassa?

La pelle grassa manifesta una carnagione lucida con grandi pori e spesso punti neri e punti bianchi. In questo tipo di pelle, sei il fortunato proprietario di ghiandole sebacee iperattive su tutto il viso che producono più olio (chiamato sebo) del necessario.
La pelle grassa è di solito il tipo di pelle associata all’adolescenza a causa dei cambiamenti ormonali. Può apparire anche durante il ciclo mestruale, la gravidanza e la menopausa, ovvero momenti associati a cambiamenti ormonali.

Quando si ha la pelle grassa il passo / prodotto più importante è di gran lunga la parte detergente perché è necessario impedire che i pori siano ostruiti dall’eccessiva produzione di sebo.

Hai bisogno di pulire il viso con prodotti ben formulati che riusciranno a detergere la pelle esfoliandola leggermente, senza irritarla. Questo comporta di evitare sempre detergenti o lozioni con basi alcoliche! Infatti in questo caso si avrebbe una prima disidratazione della pelle, che per tutta risposta creerebbe più sebo di prima per reidratarsi!

L’uso di prodotti a base di alcol, più tecnicamente, potrebbe portare ad una reazione chiamata seborrea reattiva.

Fondamentalmente significa che ogni volta che usi prodotti aggressivi (saponi o prodotti a base di alcool) per sbarazzarti del tuo olio per la pelle, fai lavorare ancora di più le ghiandole per compensare la perdita di oli naturali e idratazione. La parola chiave qui è equilibrio.

Quindi, attenersi a detergenti delicati che puliranno il viso pur essendo abbastanza delicati da impedire ulteriore produzione di idratazione.

NB: non lavarti il viso troppo frequentemente! Due volte al giorno va benissimo! Esagerare stimolerà la pelle a produrre più sebo del normale!!

Dopo la detersione, applica un siero viso leggero o una crema idratante per mantenere la pelle elastica e aiutare a mantenere una carnagione non oleosa e priva di effetto lucido.

Come scelgo la crema acne se ho la pelle mista?

La pelle si definisce “mista” quando abbiamo due o più tipi di pelli diverse sul viso contemporaneamente. Il caso più tipico è la parte centrale del viso, (la famosa zona T: fronte, naso. e mento) particolarmente grassa e le altre parti (guance) più tendenti al secco.

In altre parole, questo tipo di pelle si verifica quando le ghiandole oleifere situate nella parte centrale del viso (fronte, mento sul naso) sono molto attive rispetto a quelle delle altre zone del viso.

Mentre la pelle grassa è in genere associata all’adolescenza, potremmo dire che la pelle mista è di solito la fase successiva alla pelle grassa col passare del tempo. Quindi questo tipo di pelle è spesso associato ad età comprese fra i 20 e i 40 anni.

Ricorda che la produzione di sebo è anche funzione del calore e dell’umidità. La zona T di solito diventa ancora più oleosa durante l’estate mentre le guance diventano normali. La secchezza delle guance tende infatti a scomparire durante l’estate.

Bene, fondamentalmente tutto ciò che è stato detto per il tipo di pelle grassa si applica alla zona T. Dalla pulizia alla crema idratante leggera.

Poiché la pelle cambia da zona a zona, potresti dover usare prodotti diversi su diverse parti del

Per esempio, potrebbero essere necessari gel più leggeri o prodotti che assorbono l’olio per la zona T e lozioni o creme per le parti asciutte del viso. Se si dispone di un siero esfoliante per sbloccare i pori, lo si utilizzerà nella zona T, ma probabilmente non sulle guance.

La parola chiave è equilibrio: usiamo prodotti più ricchi ed emollienti per le aree asciutte e altri prodotti per il controllo delle parti grasse della zona T.
Alcuni dei nostri tester che hanno una zona t molto grassa, hanno semplicemente usato un siero sulla zona T e una crema acne più grassa sulle guance.

Quali sono i principi attivi importanti in una crema acne?

Una regola sempre valida quando si va a scegliere una crema per l’acne efficace, è assicurarti che contengano i giusti ingredienti attivi. Vediamo brevemente i più importanti.

  • Peroxyde Benzoyle

Il perossido di benzoile è un noto trattamento come principio farmacologico da banco.

Funziona fondamentalmente apportando ossigeno alla pelle, il quale sterilizzerà i batteri presenti sulla pelle e responsabili dell’acne. (Proprioni Batterio Acnes). Questo batterio vive in un ambiente senza ossigeno (il termine scientifico è anaerobico). Quindi, se aggiungi ossigeno alla pelle, i batteri moriranno.

Funziona anche eliminando le cellule morte della pelle che sono un ottimo nutrimento per i batteri. Quindi, se si desquamano le cellule morte della pelle e le si toglie dalla superficie, migliora l’acne perché impedisce ai pori di intasarsi.

Tecnicamente si dice che il perossido di benzoile ha proprietà antibatteriche e cheratolitiche (cheratolitico: rimuove lo strato esterno della pelle, la parte morta).

Allo stesso tempo però tieni presente che questo attivo può essere piuttosto aggressivo e seccante, e sulle pelli più secche tendere alla desquamazione. Esistono diverse testimonianze dei fastidiosi effetti collaterali di questo principio attivo contro l’acne.

Visti questi tutti inconvenienti, questo principio attivo è usato solo nei casi in cui la pelle è molto grassa e particolarmente ricca di carica batteria.

Un’alternativa più “soft” e molto conosciuta è l’acido salicilico.

  • Beta Idrossi Acidi: L’acido Salicilico

L’altro principale attivo che viene tipicamente utilizzato per il trattamento dell’acne è il famoso acido salicilico.

 

-crema-acne-acido-salicilicoSi tratta un beta-idrossiacido (diverso dagli alfaidrossiacidi). che viene estratto dalla corteccia di salice. Quindi, quando si controlliamo l’elenco degli ingredienti, verifichiamo se presente l’acido salicilico o l’estratto di corteccia di salice.

Hanno più o meno le stesse proprietà del perossido di benzoile.

L’acido salicilico è un battericida. Ciò significa che limita la crescita dei batteri prevenendo la produzione di proteine batteriche e altri aspetti del metabolismo cellulare batterico.

Funziona anche esfoliando gli strati superficiali e staccando le cellule morte della pelle più esterne. Di conseguenza rende la pelle molto più liscia e aiuta a sbloccare i pori. Questo aiuterà davvero ad aprire i pori ma aumenterà anche il ricambio cellulare. La pelle crescerà più velocemente, si rinnoverà più velocemente e aiuterà a risolvere i problemi da cicatrici da acne, lesioni da acne e scolorimento dalla pelle.

Quindi qual è l’ingrediente migliore da cercare in una crema per i brufoli? Perossido di benzoile o acido salicilico?

Bene, entrambi sono piuttosto efficaci e alcuni marchi usano uno o entrambi nei trattamenti per l’acne, ma noi apprezziamo certamente di più l’acido salicilico.

Perché?

  • L’acido salicilico è decisamente meno aggressivo e adatto alle pelli anche sensibili.
  • Deriva dall’acido acetilsalicilico, il principio attivo antinfiammatorio dell’aspirina. Quindi, come l’aspirina, può davvero ridurre infiammazioni e rossori che sono spesso associate all’acne.
  • Ha qualche proprietà antiaging grazie alla stimolazione del ricambio cellulare.
  • E’ in grado di sbiancare discretamente alcune macchie della pelle.

Qual’è il miglior trattamento acne per pelle sensibile?

Ok, quindi questi 2 sono i principali attivi che vengono utilizzati più spesso nelle creme per acne. Dunque, nel caso tu abbia la pelle particolarmente sensibile sarà importante scegliere creme a base di acido salicilico.

Naturalmente esistono altri principi che possono essere combinati per ottenere proprietà aggiuntive (ne parleremo nei paragrafi seguenti)

Quindi, per aiutarti a scegliere il trattamento giusto:

  • In caso di pelle sensibile: evitare il perossido di benzoile e scegliere l’acido salicilico è la strada da percorrere per ottenere risultati in sicurezza
  • Se hai una pelle non sensibile che pensi possa gestire un approccio più aggressivo: probabilmente cercherai un trattamento che utilizza il perossido di benzoile oppure sia il perossido di benzoile che l’acido salicilico.

Quali altri principi attivi cercare in una crema antiacne?

Oltre a quei 2 principali principi attivi contro l’acne che probabilmente rappresentano il 90% del mercato dei trattamenti contro i brufoli, ci sono altri attivi che sono spesso inclusi per aiutare a curare l’acne.

Vediamoli:

  • Alfa idrossiacidi (acido glicolico): aiutano a esfoliare e disinfiammare le ghiandole oleifere (ma meno efficaci dell’acido salicilico)
  • Olio dell’albero del tè, timo: proprietà antibatteriche naturali (buone alternative agli antibiotici topici)
  • Menta piperita, estratto di rosa: proprietà di regolazione della formazione del sebo
  • Amamelide: astringente che regola la produzione di sebo per ottenere una carnagione priva di grasso eccessivo
  • Zolfo: aiuta a ridurre l’oleosità della pelle (solitamente inclusa nella maschera facciale con argilla)
  • Argilla: minerale naturale che assorbe il grasso in eccesso della pelle e aiuta a eliminare le impurità che ostruiscono i pori.
  • Acido della vitamina A (retinolo o acido retinoico) sono principalmente utilizzati nelle creme prescritte per l’acne grave.
La maggior parte dei principi attivi nelle creme antiacne (come gli alfa idrossiacidi) : purificano e puliscono la pelle esfoliandola leggermente e liberando i pori occlusi PRIMA che si formi l’acne

Come avrai capito, alcuni ingredienti dei trattamenti per l’acne possono essere molto secchi e irritanti.

Quindi, le buone linee di cura della pelle per l’acne includeranno sicuramente anche ingredienti ben scelti che compenseranno e preverranno quei problemi o almeno aggiungeranno ciò che serve per ridurre il rischio di asciugatura.

Cosa significa?

Assicurati che i prodotti includano ingredienti cosmetici con proprietà lenitive e idratanti come:

• Aloe vera • Arnica • Calendula • Camomilla • Vitamina B5 (pantenolo) • Acido ialuronico • Estratti vegetali antiossidanti

Un buon prodotto combinerà diversi principi attivi che funzioneranno come una squadra per raggiungere meglio l’obiettivo finale: sbarazzarsi dell’acne e riavere la pelle pulita e libera da batteri.

Se hai già acquistato alcuni prodotti per l’acne e scopri che sono troppo asciutti, puoi provare questa tecnica:

Un modo semplice per rendere meno secca una crema, è aggiungere un po’ di gel di aloe vera pura al prodotto per l’acne. Mescola una piccola quantità di gel di aloe vera in una piccola quantità del tuo prodotto per il trattamento dell’acne. Per assicurarti di non ridurre l’efficacia della crema, la quantità di aloe vera dovrebbe essere due o tre volte più bassa della quantità di prodotto dell’acne, ad esempio: mescolare 1 ml di gel di aloe vera con 2 o 3 ml crema acne.
Il risultato sarà una crema più diluita, ma allo stesso tempo maggiormente idratante e nutriente!

Che concentrazioni devono avere i principi attivi in una crema acne?

Ok. Hai scelto il trattamento acne che contiene i principi attivi pertinenti, ma è tutt’altro che sufficiente. È inoltre necessario controllare la loro percentuale nella formulazione.

Benzoyle Peroxide

La maggior parte dei trattamenti dell’acne con perossido di benzoile offre una concentrazione che varia dal 2,5% al 10%. Se sei fatta come me, la tua prima idea sarebbe stata quella di scegliere la massima concentrazione pensando che sia più efficace.

Molte generazioni di persone che soffrono di acne hanno utilizzato il trattamento con perossido di benzoile e ciò che sappiamo ora è che una concentrazione di perossido di benzoile bassa è tanto efficace quanto le concentrazioni più elevate.

Perché?

Semplicemente perché una volta che il principio attivo ha disinfettato la zona uccidendo i batteri avere una dose maggiore non servirà a nulla. Al contrario, aumentando il dosaggio si causa più irritazione alla pelle e ciò può rallentare il processo di guarigione dell’infiammazione.

Quindi sentirai spesso che il 2,5% è efficace quanto il 10%. Pensiamo certamente che sia quasi vero, per essere più precisi, vorremmo includere una gamma più ampia. 2,5 – 4% è efficace come il 10%

Quindi quale percentuale cercare?

Attenersi ad una concentrazione tra il 2,5% e il 4% dii Perossido di benzoile è più che sufficiente per avere dei risultati ottimali senza grossi problemi sulla pelle.

Acido salicilico

Vale praticamente la stessa regola del perossido di benzoile, ossia che il troppo stroppia, ma con una leggera differenza: l’acido salicilico è molto più delicato pur essendo efficace. La maggior parte dei prodotti da banco in acido salicilico sono disponibili in dosaggi che vanno dallo 0,5% al 3%. Tuttavia se usi un prodotto con una concentrazione più elevata gli effetti collaterali non saranno fastidiosi come per il perossido di benzoile.

Ma quale percentuale cercare?

Secondo diversi studi, la concentrazione ideale di acido salicilico per il trattamento dell’acne si attesta fra lo 0,5% e l’1,5%.

Superata questa concentrazione, l’acido salicilico non aggiungerà un significativo contributo battericida e di riequilbrazione nella formazione del sebo, dunque concentrazioni più elevate sarebbero semplicemente inutili.

Quali ingredienti vanno evitati in una crema acne?

Quello che non ci piace di alcuni marchi è il fatto che molti di loro non sembrano mettere abbastanza qualità negli ingredienti delle formulazioni. Si finisce con prodotti che contengono ingredienti che dovrebbero essere evitati semplicemente perché possono ostruire i pori o peggiorare l’acne. Quindi a cosa dovresti prestare attenzione?

1) Oli minerali, paraffina, siliconi

Assicurati che i prodotti per l’acne non contengano troppi ingredienti che possono ostruire i pori come l’olio minerale (paraffina), così come siliconi che possono chiudere la pelle e impedire agli attivi della crema di penetrare nei pori.

Questo non significa che siano SEMPRE da evitare.

Questi ingredienti possono essere utili per un tipo di pelle secca che ad esempio ha bisogno di limitare la disidratazione. Questo però non vale se soffriamo d’acne (anche perché solitamente è associata a pelle grassa) e quindi nel caso delle creme contro l’acne è meglio a evitarli.

Anche se ne trovi alcuni nei tuoi prodotti per la skincare quotidiana, non avere paura: controlla semplicemente se sono elencati nella parte superiore o inferiore dell’elenco degli ingredienti.

Se è tra i primi ingredienti, non è molto positivo. Se è nel mezzo o alla fine, andranno bene. Come promemoria, gli ingredienti cosmetici sono elencati in ordine decrescente di concentrazione.

Perché i marchi li usano? Ci sono molte ragioni possibili, ma la ragione principale è che quegli ingredienti danno al prodotto una sensazione o un tocco morbido e piacevole, che è un criterio piuttosto importante per alcuni di noi quando si sceglie una crema. Come ti abbiamo detto, purché la quantità di quegli ingredienti sia bassa, andranno!

Esiste anche una ragione un pochino meno etica.

Un nostro consulente formulatore cosmetico ci ha spiegato che alcune marche usano questi oli e siliconi per “ridurre leggermente l’efficacia dei loro prodotti per l’acne, rallentando così il processo di guarigione e costringendo a prolungare il periodo di tempo in cui si acquista il prodotto”.

In pratica è un modo di ottimizzare la quantità di denaro che possono ottenere da ciascun cliente.

Perché dovrebbero creare un prodotto che ti aiuti a sbarazzarti dell’acne in 2-3 mesi quando possono farlo in 4-6 mesi?
Sì, so che è tremendo come discorso, ma in questo settore della bellezza ci sono molte brutture nel backstage. Ecco perché se vedi olio minerale, paraffina, o silicone elencati come primo o secondo ingrediente…passa ad un altro prodotto!

2) Alcol

Evita in ogni caso l’alcol nella tua crema contro l’acne. È spesso usato in molti prodotti per l’acne. E ogni volta che lo vedo mi fa rabbrividire.

Perché i marchi lo usano?

Per 2 motivi principali:

– per prima cosa consente a un formulatore di donare a un prodotto per la cura della pelle tendenzialmente denso e pesante una sensazione più leggera e piacevole.

– secondo, è che l’alcol sgrassa quasi istantaneamente la pelle, il che dona una bella sensazione di “pulizia” alle persone con pelle grassa.

Il problema però è che a lungo termine l’alcol può danneggiare la pelle. La gratificazione istantanea ha un prezzo da pagare.
La pelle produrrà ancora più sebo per compensare questo effetto sgrassante. L’altra cosa è quella combinata con perossido di benzoile o acido salicilico: l’alcol aumenterà anche l’irritazione e la secchezza, rischiando di irritare ulteriormente la pelle. (Se senti pizzicare, è un chiaro segno che stai facendo del male alla pelle!)

Evitiamolo!

Ottimo, ora che abbiamo una linea guida su COME scegliere una crema per l’acne di qualità, vediamo i prodotti più apprezzati e scelti dai nostri esperti.

La classifica è periodicamente aggiornata e revisionata, dunque col tempo le creme varieranno!


Crema acne [Classifica Aggiornata]

Detergente Acne Naturale

8. Cosmeteria Verde – Detergente Acne

cosmeteria verde detergente acne“Fuori classifica” ho deciso di aggiungere un detergente per pelli acneiche. Ne troviamo diversi in commercio, io ho optato per Cosmeteria Verde che è un prodotto made in Italy e vegetale al 100%.

Si tratta di un detergente che svolge un’azione di pulizia profonda ma delicata, non aggredisce l’epidermide e può essere usato regolarmente mattina e sera senza particolari precauzioni d’uso. Grazie alle virtù benefiche dei suoi componenti botanici, potenzia l’effetto di altri trattamenti antiacne ad azione antibatterica specifica che potremo vedere in seguito.

Il componente principale è l’estratto di mirto. Il mirto è un antibatterico, antivirale e antimicotico naturale. Per questo dalle foglie del mirto si ricavano da secoli dei detergenti naturali per la pelle (e in tempi antichi per le ferite!).

INCI

Aqua, Sodium Coco-Sulfate, Sodium Myreth Sulfate, Cocamidopropyl Betaine, Disodium Cocoamphodiacetate, Myrtus Communis Leaf Water, Citrus Aurantium Bergamia Fruit Extract, Olea Europaea Leaf Extract, Sodium Lauroyl Sarcosinate, Parfum, Sodium Chloride, Sodium Cocoyl Hydrolyzed Wheat Protein, Glycerin, Cocamide Mipa, Phenoxyethanol, Sodium Hydroxymethylglycinate, Hydroxypropyl Guar Hydroxypropyltrimonium Chloride, Ethylhexylglycerin, Tetrasodium Glutamate Diacetate, Citric Acid

Conclusioni

Senza alcun dubbio la crema acne più completa per disinfettare la pelle dai batteri e asciugarla dall’eccesso di sebo. Una delle poche in grado di migliorare la grana dei pori, liberandoli e depurandoli a fondo prevenendo la formazione di acne. Ottima anche per seccare in poche ore brufoli già presenti sulla pelle. Attenzione solo a non usarla sulla pelle secca, perché tenderebbe a seccarla un po’ troppo.

Cosmeteria Verde – Detergente Acne (200 ml) – Prezzo: 14,99 euro


Detergente Seboregolatore

7. Eucerin – Dermopure Oil Control

eucerin detergente acne dermo purifyer micellare Se cerchiamo un ottimo detergente di grado farmaceutico, ad un prezzo più che ragionevole, allora uno dei miei preferiti resta il Dermopurifyer di Eucerin.

Eucerin è un brand che tutti noi conosciamo, una certezza prodotta in Germania che crea cosmetica da decenni di grado farmaceutico.

Quello che vediamo è un detergente per acne senza profumazione, specifico per liberare i pori e pulire a fondo le pelli a tendenza acneica.

Comprende un 6% di Anfo-tensidi, ovvero tensioattivi specifici per pulire a fondo la pelle.

Gli Anfo-tensidi sono tensioattivi delicati che detergono delicatamente la pelle. “Anfo” è l’abbreviazione di “anfoterico”, un termine chimico per indicare una molecola che è sia positiva che negativa.

E’ un detergente viso che si sostituisce al sapone, lavorando efficacemente rimuovendo sporco, trucco e qualsiasi eccesso di sebo.

Ottime anche le sue proprietà antibatteriche, che limitano la proliferazione di batteri sul viso evitando anche le possibili infezioni che danno vita al brufolo.

Fra gli ingredienti interessanti notiamo Acido Salicilico che grazie alla sua azione antibatterica e comedolitica aiuta a ridurre la comparsa dell’acne, estratto di liquirizia, che riduce le irritazioni, e gli Anfo-tensidi che regolano la produzione del sebo.

INCI

Aqua, Tapioca Starch, Glycerin, Dimethicone, Cetearyl Alcohol, Salicylic Acid, Carnitine, Decylene Glycol, Glycyrrhiza Inflata Root Extract, PEG-150 Distearate, Ammonium Acryloyldimethyltaurate/VP Copolymer, Sodium Stearoyl Glutamate, Acrylates/C10-30 Alkyl Acrylate Crosspolymer, Xanthan Gum, Hydroxyethylcellulose, Trisodium EDTA, Sodium Hydroxide, Sodium Chloride, Phenoxyethanol, Parfum .

Conclusioni

Semplicemente un detergente viso di grado farmaceutico, prodotto in Germania, ottimo su tutti i livelli. Si tratta di un detergente per acne che si sostituisce al sapone, con una funzione sebo-regolatrice oltre che antibatterica. Ha anche un discreto potere detergente sul makeup. Buono anche il prezzo, considerato che il flacone da quasi mezzo litro ci durerà a lungo!

Eucerin – Dermopure Oil Control (200 ml) – Prezzo: 13,90 euro


Crema acne: da notte

6. HollywoodSkin – Repairing Day Cream

crema-acne-hollywoodskin-repairingLa repairing day cream di Hollywood skin è una crema di alto livello studiata e prodotta in Svezia, ma la cui fama è nota sia in Europa che negli Stati Uniti.

Si tratta di una crema studiata per rimuovere i batteri dalla pelle, ma allo stesso tempo con proprietà emollienti, e di asciugamento della pelle grassa.

Ha una texture molto gradevole, tant’è che si presta bene anche come base per il trucco.
In questo senso non posso non notare che è una crema specifica per pelli medie e grasse, dunque usiamola con criterio: se abbiamo una pelle mista utilizziamola solo nelle zone grasse, in modo che svolga la sua azione di asciugatura e di pulizia della pelle.
Non utilizziamola nelle zone più secche che magari non hanno nemmeno la presenza di acne.

La formula è molto interessante. Delicata da una parte, ma efficacissima in ogni ingrediente utilizzato.

Sfrutta l’acido salicilico all’1%, ovvero la concentrazione perfetta che noi stessi abbiamo individuato come migliore per il trattamento delle creme da acne.

Troviamo anche silica (che non è un silicone!!), che è un assorbente naturale ottimo per contrastare la lucidità delle pelli grasse migliorando la grana della pelle. È anche accettata dai disciplinario bio, e non è nemmeno comodogenica come i siliconi. È perfetta infatti per tutte le pelli a tendenza acneica.

Interessante anche la presenza di Salix nigra che è un estratto vegetale ricco di tannini e sostanze con gli stessi effetti dell’acido salicilico. Ha proprietà analgesiche, antisettiche, astringenti, antipiretiche e antinfiammatorie.

Infine mi ha stupito l’utilizzo di Hamamelis, un ingrediente che ho studiato tempo addietro, ma non ho praticamente mai visto in nessuna formulazione: è essenzialmente un estratto vegetale della pianta stessa.
Una delle proprietà principali di questa pianta è il suo effetto benefico nella protezione delle pareti venose che rendono questa sostanza naturale utilissima nel trattamento di macchie della pelle, trattamento dell’acne, e prevenzione dei danni causati dai radicali liberi. Possiede anche proprietà antibiotiche prestandosi perfettamente nelle pelli grasse di tipo acneico.

Fra i contro non posso che non segnalare la forte propensione della crema ad asciugare la pelle. Se abbiamo una pelle secca potrebbe asciugarla fin troppo. Se la utilizzeremo solo sulle zone più grasse della pelle, invece, svolgerà un lavoro davvero eccellente.

INCI

Salicylic Acid (1.0%), Silica, Sorbitol, Carbopol, Glycerin, Polysorbate 60, Cetyl Alcohol, Tocopherol, Phenoxyethanol, Seed Extract, Salix Nigra (Willow) Bark Extract, Sodium PCA, Biotin, Magnesium Ascorbyl Phosphate, Menthol, Hamamelis Virginiana (Witch Hazel), Tea tree-oil, Chamomile, Lactic Acid, Vitamin A, Aqua

Conclusioni

Una crema ottima per seccare in poche ore brufoli già presenti sulla pelle e da fungere come battericida in modo da limitare la proliferazione dei brufoli. Attenzione solo a non usarla sulla pelle secca, perché tenderebbe a seccarla un po’ troppo.

HollywoodSkin – Repairing Day Cream (50 ml) – Prezzo: 28,99 euro


Crema acne perossido di benzoile

5. Truume – Herbal Acne Treatment

truume-herbal-acne-creamPassiamo ad una crema particolarmente intensa e dal forte potere esfoliante. Truume propone una crema anti acne fondata sul Peroxyde Benzoyle.

Come ben sappiamo, il Peroxyde Benzoyle è un esfoliante con proprietà battericide molto energico. Dunque adatto ai casi più intensi e ai casi di pelle molto molto grassa.

L’estratto di pulsatilla chinensis viene utilizzato principalmente per le sue attività antimicrobiche e di conservazione naturale. Di solito si tratta della formula combinata con Zanthoxylum Piperitum e Usnea Barbata, in quanto i tre estratti costituiscono un popolare commercio coreano del sistema di conservazione naturale chiamato EURO-NApre.

L’estratto vegetale di pulsatilla chinensis è anche una medicina tradizionale a base di erbe orientali nota per i suoi effetti analgesici, antinfiammatori e astringenti.

Gli altri emollienti presenti sono l’Aloe Vera, un idratante lenitivo che tutti conosciamo, e l’estratto di camomilla. Quest’ultimo è indicato come chrysanthellum indicum, una forma di camomilla di origine asiatiche. Questa camomilla definita ”dorata” sembra avere un effetto anti-arrossamento più forte grazie al suo mix unico di composti lenitivi, che possono essere utili per limitare arrossamenti o infiammazioni su pelli sensibili.

Insomma, nel complesso si tratta di una crema acne ad alto potere esfoliante e battericida, dunque molto intensa sulla pelle. Ricordiamoci che il Peroxyde Benzoyle è un principio attivo piuttosto aggressivo, quindi facciamo attenzione, in ogni caso, se abbiamo la pelle sensibile.

INCI

water, cardiospermum halicacabum flower/leaf/vine extract, sophora flavescens extract, pan-alcohol, chrysanthellum indicum extract, Peroxyde Benzoyle, pulsatillachinensis extract, aloe vera extract, sodium hyaluronate, propylene glycol, allantoin, methylparaben

A chi la consiglio

Il perossido di benzoile è un antimicrobico, il che significa che aiuta a ridurre la quantità di batteri che causano l’acne sulla pelle. Meno batteri = meno sfoghi e acne. Non sono fan dei prodotti made in China, ma tutto sommato questo funziona discretamente.
Non la userei tutti i giorni, ma 2-3 volte a settimana a causa del forte potere battericida ed esfoliante.

Truume – Herbal Acne Treatment (20gr) – Prezzo: 15,99 euro


Crema acne: pelli grasse

4. Le Pommiere – Renewed Skin

crema-acne-lepommiereLe Pommiere è una società francese specializzata in cosmetici formulati con ingredienti per lo più a stampo naturale.
La crema acne da loro prodotto è un concentrato di ingredienti utili a depurare la pelle da batteri e asciugarla da eventuale sebo in eccesso.

A differenza delle altre creme viste, questa è una crema che andrebbe utilizzata solamente nella zona interessata dall’acne, evitando di spalmarla sul resto della pelle.

La formula, infatti, è specifica per asciugare il brufolo seccandolo, così per disinfiammare la zona. È altrettanto valida per i punti neri, visto che secca la zona fino alla radice costringendo il punto ad uscire dal poro naturalmente.

La formula è molto interessante, perché comprende quasi esclusivamente ingredienti ad origine naturale.

Troviamo l’ammonium acryloildimethyltaurate che è un semplice gelificante, oltreche zinco e titanio ossido che sono due filtri UV minerali (di ottima qualità).

Da segnalare il glicole propilenico presente. Il propyleneglycol, infatti, è un umettante sintetico e non irritante. Si tratta però di un glicole che non riesce ad essere smaltito dagli infanti, a causa dei percorsi enzimatici che sono ancora in fase di sviluppo al momento della nascita.

Per questo, questo ingrediente contro i brufoli non è adatto per le donne incinte, nonostante l’INCI nel complesso sia più che buono.

INCI

aqua, propyleneglycol, zinc oxide, sulfur, ethoxydiglycol, ammonium acryloildimethyltaurate/vp copolimer, salicilic acid, titanium dioxide, camphor, citrus limonum peel oil, parfum, prunus amygdalus dulcis oil, prunus amara kernel oil, citral, limonene.

Conclusioni

Una crema contro i brufoli efficace e naturale, da usare però puntualmente sulla zona acneica. Ottimi gli ingredienti, che riescono a seccare qualsiasi tipo di brufolo in poco tempo (2-4 ore). Molto adatto anche per seccare i punti neri, esfoliando la pelle in profondità. Unico neo, secca molto la pelle, quindi usiamola puntualmente nelle zone con acne e più grasse della pelle.

Le Pommiere – Renewed Skin (50 ml) – Prezzo: 21,95 euro


Siero acne anti eruzioni

3. Clinique Clinical – Anti Blemish

prodotto acne clinique anti blemishTutte noi conosciamo Clinique, brand di altissimo profilo che ha bisogno di ben poche presentazioni.

L’anti blemish (ovvero “anti difetti”) è un siero specifico per le zone sfoghi batterici, per brufoli già formati o foruncoli in fase di formazione.

Si tratta di un gel trasparente ad asciugatura rapida, specifico per seccare e ridurre le imperfezioni favorendo la guarigione. Lenisce arrossamenti visibili e irritazioni. Invisibile sotto o sopra il trucco.

Il funzionamento è semplice, e lo deduciamo dall’INCI piuttosto snello. Esfolia la zona grazie all’acido salicilico aiutando ad eliminare le cellule morte della pelle che possono contribuire a ostruire i pori.

L’estratto di Laminaria Sacharina agisce come seboregolatore. Infine la presenza di cloruro di benzalconio è fondamentale perchè agisce come antibatterico, spegnendo sul nascere la proliferazione di batteri che possono dare origine al brufolo o al punto nero.

E’ uno prodotti contro acne più efficaci che io conosca, ma attenzione perchè è specifico per il brufolo o la zona con lo sfogo: seccherà parecchio quella zona!

INCI

 Alcohol Denat., Water\Aqua\Eau, Acrylates/C10-30 Alkyl Acrylate Crosspolymer, Hamamelis Virginiana (Witch Hazel), Salicylic Acid, Laminaria Saccharina Extract, Sea Whip Extract, Butylene Glycol, Benzalkonium Chloride

Conclusioni

Un gel che all’apparenza è molto leggero e appare poco più denso dell’acqua, ma che dopo l’applicazione secca la pelle, “sterminando” (letteralmente) i batteri che stanno dando vita ad acne o imperfezioni. E’ opacizzante e ok sotto il trucco, ma attenzione perchè secca abbastanza, quindi lo consiglio solo per le pelli grasse. Il risultato, però, è garantito.

Clinique Clinical – Anti Blemish (15 ml) – Prezzo: 23,90 euro


Crema acne: made in Italy

2. Rilastil – Acnestil

crema acne rilastil-acnestilRilastil Acnestil è una valida crema contro l’acne ad azione preventiva.

È una crema piuttosto delicata, che si può utilizzare su tutto il viso anche come base per il trucco. Ha un’azione sebonormalizzante, lenitiva ed opacizzante, garantendo quindi una grande riduzione della lucidità della pelle oltre che ad una pulizia dei pori.

La formula comprende pantenolo, ceramidi ed acido ialuronico ad azione idratante, mentre l’antimicrobico è basato sull’acido salicilico.

Si tratta di un made in Italy ipoallergenico e testato per Testato per Nickel, Cobalto, Cromo, Palladio e Mercurio davvero delicata sulla pelle.

Fra i principali aspetti positivi di questa crema nella formula non posso non citare la presenza di Niacinamide. Si tratta di un’ammide naturalmente presente nella pelle, considerata un agente ottimo nel trattamento delle malattie cutanee infiammatorie causate dalla formazione di anticorpi (proprio come i brufoli).
Esplica un’azione antiossidante perché è un componente importante di coenzimi che partecipano al trasporto di ossigeno e svolge un’azione limitante sulla produzione di sebo, che rappresenta uno dei fattori patogenetici dell’acne.

Fra i contro non posso non notare la presenza di alte concentrazioni di siliconi e alcoli (dimethicone e panthenolo in primis) così come un’elevata presenza di glicerina che potrebbe occludere i pori più problematici.

Nel complesso la trovo una buona crema acne ad azione preventiva, capace di donare un effetto normalizzante e opaco anche alle pelli molto grasse.

N.B: di Rilastil è degno di nota anche il detergente gel per Acne, un purificante per pelli impure studiato per pelli sensibili. Se optiamo per questa crema acne, lo consiglio vivamente. La combinazione detergente + crema sarà davvero eccellente.

INCI

Aqua (Water), Dibutyl Adipate, Dimethicone, Niacinamide, Glycerin, Arachidyl Alcohol, Behenyl Alcohol, Polymethyl Methacrylate, Panthenol, Polyacrylate Crosspolymer-6, Helianthus annuus (Sunflower) Seed Oil, Potassium Azeloyl Diglycinate, Arachidyl Glucoside, Propanediol, Sodium Salicylate, Tocopheryl Acetate, Dipotassium Glycyrrhizate, Xanthan Gum, Sodium Lauroyl Lactylate, Sodium Hyaluronate, Zinc PCA, Copper PCA, Citric Acid, Ceramide NP, Sodium DNA, Ceramide AP, Phytosphingosine, Cholesterol, Carbomer, Oligopeptide- 10, Ceramide EOP, Tocopherol, Disodium EDTA, Phenoxyethanol, Ethylhexylglycerin, Chlorhexidine Digluconate, Sodium Benzoate.

Conclusioni

Una crema progettata e prodotta in Italia, figlia di un’azienda farmaceutica di tutto rispetto, Rilastil. L’INCI comprende un po’ troppi alcoli e siliconi per i miei gusti, ma nel complesso è una crema acne studiata per creare un’azione preventiva su tutto il viso, oltre che per asciugare la pelle opacizzandola.
Per massimizzare i risultati la consiglio insieme al detergente della stessa marca, che è un purificante per pelli acneiche. La combinazione delle due darà davvero ottimi risultati. Io consiglio entrambe.

Rilastil – Crema Acnestil (50 ml) – Prezzo: 20,90 euro

Rilastil – Gel Purificante Acnestil (400 ml) – Prezzo: 22,90 euro


Crema acne: più efficace

1. Synchroline – AkniCare Cream

aknicare crema brufoliSynchroline è un’azienda italiana specializzata in farmaci da banco.  La Aknicare è una crema anti acne piuttosto conosciuta ed efficace.

Si tratta di un’emulsione olio in acqua specificamente designata per controllare ed attenuare i sintomi dell’acne. Funziona esplica un’azione idratante e un effetto opacizzante (adatta quindi anche come base su del trucco, purchè ben assorbita).

Previene la secchezza della pelle e la idrata favorendo un corretto equilibro della produzione del sebo.

I principi attivi funzionali principali sono due. Trietil citrato e acido salicilico.

A livelli di pH più elevati, invece, il citrato di trietile si scinde in alcol etilico e acido citrico: l’effetto batteriostatico dell’alcol etilico inibisce la riproduzione dei batteri, mentre l’acido citrico abbassa il pH della pelle, sfavorendo l’attacco esterno di batteri.

Come sappiamo, l’acido salicilico aiuta ad esfoliare leggermente la pelle. In più, l’acido salicilico aiuta a sbloccare i pori per risolvere e prevenire ferite dovute alla formazione di acne.

INCI

aqua, alcohol denat., cetearyl ethylhexanoate, triethyl citrate, cetearyl alcohol, ethyl linoleate, polyacrylamide, zinc lactate, c13-14 isoparaffin, sodium hyaluronate, cetearyl glucoside, propylene glycol, citric acid, phenoxyethanol, laureth-7, imidazolidinyl urea, sodium hydroxide, methylparaben, ethylparaben, propylparaben, hexyl cinnamal, citronellol, hydroxyisohexyl 3-cyclohexene carboxaldehyde, linalool, butylphenyl methylpropional, coumarin, alpha-isomethyl ionone, parfum.

Conclusioni

Un prodotto farmaceutico da banco che contiene tutti i principali attivi di cui abbiamo discusso. Battericidi, antimicotici, lenitici e il classico acido salicilico per favorire esfoliazione e ricambio cellualre. Il fatto che sia un prodotto farmaceutico made in Italy, per me è un motivo in più per consigliarlo.

Synchroline – AkniCare Cream (50 ml) – Prezzo: 18,90 euro


Ecco dunque la nostra classifica sulle migliori creme per l’acne, oltre che una serie di indicazioni per il loro utilizzo migliore.

Ti ricordo che la classifica delle migliori creme acne è periodicamente aggiornata con ciò che esce di meglio sul mercato.

Non ti stupire dunque se le creme cambieranno nel tempo.

Dubbi, domande o curiosità? Non esitare a chiederci nei commenti!

Dimmi la tua!
Ormai ben più sugli "anta" che gli "enta", ho un'esperienza decennale in ambito cosmetico, sia per quanto riguarda la selezione degli ingredienti che per quanto riguarda l'analisi dei makeup. Nella mia carriera ne ho viste -letteralmente- di tutti i colori (stravagantissimi Vip compresi). Nel 2015 ho deciso di aprire un blog di makeup con una mia socia, viste le continue richieste di consigli. Ciò di cui parlo l'ho sperimentato sulla mia pelle...e sulla pelle degli altri!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here